Sei in » Attualità
07/09/2016 | 11:57

Negli scorsi 3, 4 e 5 settembre, l'Associazione Culturale 'Ci Siamo' di Calimera ha organizzato diversi eventi ed attività. Col ricavato della manifestazione è stato acquistato un defibrillatore semiautomatico donato poi all'Istituto Comprensivo Statale del paese salentino.


Il momento della donazione del defibrillatore semiautomatico


Calimera. La solidarietà vince sempre. E continuerà a vincere ancora se i numerosi volontari aumenteranno al fine di coltivare una crescente “cultura del dono”. E a tal proposito, L'Associazione Culturale "Ci Siamo" di Calimera – costituita per rappresentare principalmente gli interessi e le esigenze di tutti i cittadini, in particolare bambini e residenti – ha organizzato nelle giornate del 3, 4 e 5 settembre 2016 una manifestazione con lo scopo di acquistare un defibrillatore semiautomatico da poter donare all’Istituto Comprensivo Statale di Calimera. Gli eventi che si sono svolti una gremita Piazza del Sole in questi 3 giorni sono stati: la terza Edizione del Torneo di Calcio Balilla Umano, accompagnata dalla presenza gratuita dei gonfiabili per i bambini più piccoli; la commedia della Compagnia Teatrale “PANTA THA paddhiccaria” di Calimera; il “Duo latin-jazz” composto dal Maestro Vincenzo Tommasi e da Andrea Tommasi; lo spettacolo di cabaret a cura dei “MalfAttori”, che ha fatto confluire nella nostra centralissima Piazza circa mille persone.

Lo spirito benefico di tutti i cittadinidichiara Gianluca Rosato, presidente di “Ci Siamo” – ed il contributo dei numerosi sponsor che hanno collaborato con nostra Associazione, ha consentito il raggiungimento dell’obiettivo e quindi ci ha permesso, al termine della terza serata, di donare alla Dirigente Scolastica di Calimera, il defibrillatore acquistato dalla nostra Associazione, insieme a 2 corsi PBLSD, che sono stati gentilmente offerti dalla Protezione Civile di Calimera”.

Lo spirito, la condivisione, la calorosa partecipazione e gli attestati di ringraziamento ricevuti dalla nostra cittadinanza – conclude – che accompagnano ogni nostra iniziativa, ci spingono a continuare nella nostra attività di volontariato unicamente mirata a proporre del bene per la nostra comunità.

Quindi, ci apriamo ad accogliere ogni idea ed ogni iniziativa a tanto finalizzata
”.




Autore: A cura della Redazione

0 commenti inseriti
Hai gradito l'articolo? Commentalo! |