Sei in » Cronaca
02/12/2016 | 08:43

Teatro della tragedia la Calimera-Martano nella serata di ieri. Il corpo del giovane senza vita stato rinvenuto da alcuni automobilisti che si trovavano a transitare lungo l'arteria stradale. Indagano i Carabinieri.


Il muretto a secco dove andata a sbattere l'autovettura


Calimera. Si è aperto con una tragedia sulle strade salentine questo mese di dicembre.
 
Teatro del dramma la Calimera- Martano, dove,  serata di ieri, a perdere la vita in un tragico sinistro è stato un giovane 22enne di Borgagne di Melendugno.
 
Il ragazzo, Giacomo D'Aurelio, si trovava a percorrere l’arteria stradale, quando, per cause ancora da chiarire, ha perso il controllo dell’autovettura su cui viaggiava, una Opel Corsa, mentre era intento ad evadere una rotatoria. A seguito dell’impatto con il rondò il mezzo si è sollevato da terra, ha fatto un volo ed è andata a schiantarsi contro un muretto a secco ribaltandosi.
 
Nella carambola il corpo del 22enne è stato sbalzato fuori dall’abitacolo ed è stato rinvenuto, senza vita, da alcune persone che transitavano sulla strada e che, immediatamente, hanno lanciato l’allarme. Un allarme tardivo, purtroppo, in quanto il giovane sarebbe morto sul colpo in seguito all’impatto.
 
Sul luogo dell’accaduto sono prontamente giunti i sanitari del 118 che non hanno potuto fare altro che constatare il decesso e i Carabinieri della Stazione di Calimera che si sono messi all’opera per ricostruire nel dettaglio le dinamiche dell’incidente.
 
Le strade della Grecìa Salentina, sono state palcoscenico di una tragedia automobilistica anche lo scorso 5 novembre.
 
Sulla Calimera-Caprarica, nei pressi di Castrì, a perdere la vita furono due ragazzi, Francesco Pio Conte e Serena Ingrosso, lui di San Donato, lei di Galugnano, morirono a seguito del terribile scontro tra l’autovettura su cui viaggiavano, una Mini Cooper e un altro mezzo.  L’impatto anche in questo caso fu violentissimo e i giovani persoero la vita sul colpo.
 
 




Autore: A cura della Redazione

0 commenti inseriti
Hai gradito l'articolo? Commentalo! |